Gnatologia

La gnatologia è una branca dell’odontoiatria poco conosciuta e poco praticata per diversi motivi: preparazione dell’odontoiatra, mancata conoscenza della tematica da parte del paziente e applicazione indiretta nella terapia, ove per indiretta si intende che non vi è la “diretta” certezza di verificare l’equilibrio raggiunto; ma si otterrà solo nel tempo un equilibrio statico e dinamico che non peggiori la salute del paziente e renda duratura la riabilitazione del cavo orale.
Sostanzialmente, si tratta di una disciplina che dovrebbe essere alla base di ogni terapia, in quanto studia la relazione tra articolazione temporo-mandibolare e posizione dei denti, sia in modo statico che dinamico.
Se si estrae un dente, lo spostamento dei rimanenti, modifica tale rapporto; lo stesso avviene quando si ottura un dente o si monta una protesi e, quindi, sta nella bravura dell’odontoiatra mantenere questo equilibrio.
Ogni trattamento effettuato deve basarsi sui principi fondamentali della gnatologia: equilibrio tra muscolatura, articolazione e denti. Lo scopo di tutto ciò è quello di colmare i vuoti lasciati da denti estratti con manufatti protesici al fine di evitare alterazioni della funzionalità articolare e muscolare, con cronicizzazione dei più svariati sintomi.
Riporterò nella News Letter di questo sito argomenti che chiariscono meglio “LA GNATOLOGIA”.